Cerca nel blog

mercoledì 19 novembre 2014

"Nel favoloso mondo, di chi ha tempo da perdere"


"nel favoloso mondo, di chi ha tempo da perdere"




CIMITERO DEL VERANO
Roma




in un giorno qualunque, passeggiando.




Un favoloso mondo con qualcosa di magico, sembra fermarsi il tempo li.

Colmo di verde, una passeggiata  in una villa pompeiana, quintali di cementi e marmi lavorati minuziosamente per farne il trono più bello, signore tornite e composte, pettinate, opache e incipriate guardano con sufficienza i passanti mal vestiti.

nelle loro cornici dorate, sedimentate nelle lastre di marmo bianco di carrara.

Signori dall’aspetto regale, incravattati, in una posa nobile e satura di fermezza ti fanno aumentare il passo.

Grandi parole, dediche di vita eterna, nessuna espressone di cattivi umori, solo grandi auguri prima di un lungo viaggio.

Sinuosi gatti, i guardiani di quelle meraviglie, anche essi in un perfetto accordo di bellezza tetra e classicista, ingannevole e sensuale.

Un tempio di bellezza per chi ama il candido, il silenzio, l’esotico, il rituale, il riflesso, l’ombra i filtri d luce, i fiori finti, i passanti, la solitudine e il classicismo.





















Il cimitero è il dormitorio dei ricchi, che se il tempo fosse denaro non avrebbero più di come spenderlo, strafogati nella loro ricchezza, cordiali, ospitali, vivono uno accanto all’altro occupano poco spazio, sussurrano a voce bassa e osservano, come fossimo noi i morti, i poco degni che confrontano il reale con il mondo dell’aldilà, ignari, che siamo noi i poveri, gli incompresi..



PHOTO AND TEXT BY
MTP







si ringrazia Claus.





1 commento:

  1. Credo sia il mio post preferito..
    V.

    RispondiElimina